A PROPOSITO DEI SACERDOTI E RELIGIOSI –

A PROPOSITO DEI SACERDOTI E RELIGIOSI –
LUIGI M. RULLA NEL 1985 SCRIVEVA:
“Da una parte i sacerdoti e i religiosi sono chiamati al giorno d’ggi ad un più grande e più esposto impegno sociale che esige in più un alto grado di integrazione, di consistenza, di forza e di costanza della personalità per, ad esempio, essere capaci di un vero dialogo, di una conoscenza realistica nell’orientamento per gli uomini, di autonomia affettiva, di creatività. Tutte qualità che sono intaccate dalle immaturità della persona (anche subconscie). Dall’altra parte le stesse vocazioni sacerdotali e religiose sembrano offrire meno credito e potere sociale, e più indifferenza ed opposizione.
Alcuni esempi concreti saranno sufficienti a delineare questa situazione di tesa opposizione nella vita del sacerdote e religioso contemporaneo: egli è chiamato ad una vita di obbedienza in un mondo in cui l’autorità è sempre più attaccata: egli è invitato ad abbracciare la castità in un momento in cui il mondo non solo continua o aumenta il suo culto dell’edonismo, ma anche la rivalutazione della dignità del matrimonio viene sempre più proclamata; egli deve vivere una vita spirituale più intensa come fondamento dell’aggiornamento mentre è in atto una grande attrattiva per la secolarizzazione (come una liberazione dagli influssi religiosi dell'”homo faber” che crea le sue struttura socio-economiche) o per l’uso di conforti materiali sempre più disponibili; egli deve basare i suoi valori personali sui dogmi mentre il mondo proclama la revisione di ogni cosa; in alcuni paesi, come cristiano deve vivere secondo i criteri di una società gerarchica (come la Chiesa) mentre può essere cittadino di un sistema politico democratico; egli, forse, vive con una grande disponibilità di beni mentre larga parte della popolazione del mondo muore di fame.
Come conseguenza è grande la tentazione del sacerdote e religioso di sottovalutare il valore intrinseco della vocazione o, per lo meno, egli sente meno l’influenza positiva e di sostegno degli oggettivi valori vocazionali; c’è una grande tentazione verso la soggettivazione dei valori e questo nel preciso momento in cui le richieste per una efficace presenza di valori oggettivi e autotrascendenti nella sua personalità è più necessario e urgente” [Luigi M. Rulla, Antropologia della vocazione cristiana 1 Basi interdisciplinari, 1985, pp. 288/289].

Annunci

Informazioni su gilgobbi

Psicologo-Psicoterapeuta-Sessuologo clinico Lavora a Verona, nel suo studio Kairòs di Viale Palladio, n. 10 Tel. 0458101136 - 3482628125
Questa voce è stata pubblicata in Articoli, Pubblicazioni, Religione e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a A PROPOSITO DEI SACERDOTI E RELIGIOSI –

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.