INTERROGATIVI NELLA VITA DI COPPIA – G.G. – 

INTERROGATIVI NELLA VITA DI COPPIA – G.G. – 

Noi siamo abituati a chiedere alla vita, a implorare e supplicare la vita di dare risposte immediate alle nostre urgenti richieste.

E se questo fosse un atteggiamento sbagliato ed fosse necessario modificarlo? Cioè, non  interrogare la vita, ma chiederci che cosa vuole la vita da noi.  Probabilmente questo è il giusto atteggiamento, perché ci si trova a tu per tu con la propria responsabilità e libertà.

Lo stesso atteggiamento, che si ha nei confronti della vita in generale, lo si esplicita molto accentuato, spesso fino allo spasimo e all’ossessività, nei confronti della vita di coppia, e quindi del partner che non dà le risposte che noi vogliamo: non ci dà la felicità di cui abbiamo diritto.

Ancora una volta la domanda va capovolta: che cosa  vuole la vita di coppia da me?

Le risposte, chieste a me e al coniuge, fanno parte del quotidiano, proprie di quei gesti e di quegli atteggiamenti, che esaltano il codice dell’amore coniugale. E’ la vita di coppia che interroga su come noi possiamo renderci “felici”, renderci la relazione di coppia più facile, semplice, con tanti momenti “sereni”.

Non vi è l’obbligo morale di separarsi nel caso in cui, in un rapporto di coppia, la soddisfazione emotiva non sia adeguatamente garantita. Il rapporto può trasformarsi in una la relazione, in cui i due apprendono a sapersi rispettare, volersi bene e andarsi incontro.

Nel matrimonio, come in tanti altri aspetti della vita, la felicità viene confusa tra l’avere condizioni di vita felice (felicità oggettiva) e la capacità di sentirsi felici nell’ambito della propria condizione, nella situazione concreta, cioè di sapersi valutare “felice” in quella circostanza (felicità soggettiva).

La distinzione permette di saper cogliere il valore e il significato, che hanno per ciascuno le piccole cose positive, che accadono tutti i giorni, anche nella vita di coppia. Di qui l’esigenza di vivere e valorizzare queste piccole cose positive, che creano il tessuto, su cui si innesta la possibilità di vivere con felicità e quindi con maggiore intensità i differenti momenti del quotidiano.

Il sentirsi “felici”, nell’ambito della propria condizione, rimodula la vita coniugale e permette di dare risposte alla vita, che interroga con costante e profonda persistenza.

 

Annunci

Informazioni su gilgobbi

Psicologo-Psicoterapeuta-Sessuologo clinico Lavora a Verona, nel suo studio Kairòs di Viale Palladio, n. 10 Tel. 0458101136 - 3482628125
Questa voce è stata pubblicata in Pubblicazioni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.