Sessualità come affare privato – Gilberto Gobbi –

SESSUALITA’ COME AFFARE PRIVATO  – Gilberto Gobbi –

 Di pari passo con la secolarizzazione e conseguente ad essa, vi è la scoperta della sessualità come dimensione valoriale della persona e la conse­guente valorizzazione dell’amore, sia come aspetto essenziale della persona umana e sia come elemento costitutivo della relazione tra le per­sone. Ma nella scoperta del valore  dell’amore, vengono, iperesaltati il sentimentalismo e lo spontaneismo, come caratteristiche ritenute essenziali e dominanti di ogni relazione amorosa. Così sono taciuti e anche rifiutati gli aspetti razionali (oggettivi) della relazione e viene negata ogni inter­ferenza delle istituzioni nella relazione della coppia. Si arriva alla ne­gazione dello stesso istituto matrimoniale e alla morte della fami­glia.

Ne consegue una concezione dell’amore tipicamente fondata sul sentimento e una relazione di coppia costituita da un legame antiistituzio­nale, antigiuridico e fondamentalmente privatistico.

In tale concezione non vi possono essere motivazioni valide  né per la proi­bizione dei rapporti sessuali nell’adolescenza e di quelli prematrimoniali e neppure per mettere in discussione la loro convenienza psicologica. La sessualità è un affare privato, che appaga determinate istanze psicoaffettive, le quali necessitano di essere soddisfatte, senza in­terferenze. Unico criterio è il consenso reciproco tra le parti. Per il resto tutto è possibile, come autoreferenzialità.

La società non ha diritto di intervenire né di sancire sulla gestione della sessualità della persona maggiorenne, fintanto che tale pratica non nuoccia alla società stessa. E anche i minorenni, con le dovute cautele, possono usufruire di questa li­bertà: dal momento che si richiede loro di essere responsabili in altri ambiti, possono esserlo anche in questo.

Sono conseguenze ovvie quando la  sessualità è ri­dotta a una realtà prettamente privata e individuale.

Sessualità come cosa – Sempre come conseguenza della laicizzazione estrema, la sessualità, come dimensione fisica ed emotiva, non riveste alcun mistero, alcun valore, ma è un semplice e puro “fatto”: uno dei tanti “fatti” della vita dell’uomo.

Come tale, la sessualità è una “cosa”, che l’uomo possiede come qualunque altra cosa che egli ha e può sfruttare a suo vantaggio. La realtà sessuale è puramente strumentale e non si vede per­ché l’uomo non la possa usare a suo piacimento, come qualunque altro strumento dal momento che soddisfa e gratifica istanze/pulsioni pro­fonde dell’uomo.

Anche se, sul piano concettuale, ciò sembra una interpretazione ba­nale e grossolana, tuttavia sul piano pratico è presente, in modo  sottile e pervicace, nelle più disparate manifestazioni con cui la società contemporanea vive la sessualità.

Di certo, una concezione della sessualità come “cosa” sta alla radice dello sfruttamento commerciale del sesso, del commercio del corpo. E’ un commercio tecnologicamente raffinato, per il quale il sesso non è solo cosa che si vende, ma anche uno stru­mento che fa vendere altre cose. Importante è vendere.

La sessualità, come sesso/cosa, è diventata l’anima del commercio e della pubblicità.

Vi è lo scadimento dell’Eros in erotismo, che diviene un bene di consumo.

Annunci

Informazioni su gilgobbi

Psicologo-Psicoterapeuta-Sessuologo clinico Lavora a Verona, nel suo studio Kairòs di Viale Palladio, n. 10 Tel. 0458101136
Questa voce è stata pubblicata in Articoli, Educazione, Famiglia, Presentazione, Pubblicazioni, Sessualità e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...