Maschi o femmine in relazione speciale con la propria madre genetica – Giampaolo Nicolais

Maschi o femmine in relazione speciale con la propria madre genetica – Giampaolo Nicolais

gravidanza-mese-nascituro-prelievo-sangue-secondo-sesso-test“Quanto accade nel grembo materno nell’arco di quei 9 mesi di “dialogo conflittuale” pone in una relazione già molto stretta la madre e il proprio bambino. A buon diritto, è quindi possibile oggi includere nelle discipline psicologiche una “psicologia fetale”. Sono oramai noti veri e propri processi di apprendimento che hanno luogo durante la gravidanza. Molti di questi sono essenzialmente di natura biochimica – ad esempio, dopo una reazione iniziale di allarme dovuta ad un forte rumore esterno, il feto impara a non riattivare quella reazione grazie al meccanismo dell’abituazione. Allo stesso tempo, però, il feto impara anche a riconoscere una serie di elementi sensoriali distintivi materni che vanno considerati come prerequisiti fondamentali per lo stabilirsi di un legame privilegiato madre-bambino. Sappiamo, ad esempio, da studi entrati oramai a far parte dei “classici” della psicologia moderna, come a poche ore dalla nascita il neonato sia in grado di discriminare e preferire l’odore del latte materno rispetto a quello di altre neomamme (MacFarlane, 1975); come l’ascolto della voce registrata della propria madre lo induca a succhiare più velocemente da una tettarella rispetto a quanto non accada quando la voce è quella di un’altra neomamma (DeCasper & Fifer, 1980); come la percezione amodale (Stern, 1985) – capacità percettiva innata che implica l’attivazione contemporanea di sfere sensoriali diverse – lo metta in grado di costruire progressivamente un’unità sensoriale integrata riferibile alle diverse caratteristiche della propria mamma (“questa è la mia mamma, che ha quel tono di voce che è allo stesso tempo quel modo di carezzarmi la schiena quando piango”)”.

Queste ed altre competenze precoci, alcune delle quali con ogni evidenza acquisite mediante processi di apprendimento intrauterino, testimoniano della qualità unica, necessaria e insostituibile del legame gestazionale madre-bambino. (G. Nicolais, Alcune riflessioni sul maschile e femminile, in AA.VV., Intersoggettività, contesti e valori, Libreria Edi. Vaticana, Citta del Vaticano 2015).

Annunci

Informazioni su gilgobbi

Psicologo-Psicoterapeuta-Sessuologo clinico Lavora a Verona, nel suo studio Kairòs di Viale Palladio, n. 10 Tel. 0458101136
Questa voce è stata pubblicata in Cammino, coppia, Presentazione e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...