IMPIANTO GENERALE DELLO STANDARD – G.G.

IMPIANTO GENERALE DELLO STANDARD – Gilberto Gobbi

searchPrima di entrare nello specifico dei contenuti dello standard per l’Educazione Sessuale in Europa, presentiamo l’impianto generale, che si divide in due parti: una Introduttiva, con l’impostazione teorica della necessità di fare educazione sessuale e sulle linee generali che sostengono la filosofia del documento; una seconda parte: la matrice dell’educazione sessuale, in cui dopo una breve introduzione vengono presentate le schede l’educazione sessuale divise in età. Tutto si conclude con una  ricca bibliografia a supporto dei presupposti teorici, dei contenuti e dei metodi applicativi.

Nella Prefazione sono indicati con chiarezza gli obiettivi generale del documento: la grande sfida  circa la salute sessuale dei bambini e dei ragazzi, che hanno bisogno di acquisire un atteggiamento positivo e responsabile verso la sessualità, per questo devono conoscerla negli aspetti di rischio e di arricchimento della personalità per agire in modo responsabile.

Il documento vuole essere la risposta alla necessità di stabilire uno standard raccomandato alle varie nazioni europee, in modo da introdurre l’educazione sessuale olistica, concetto che va compreso nella sua realtà.

Il documento spiega immediatamente che educazione sessuale olistica  fornisce a bambini/e e a ragazzi/e informazioni imparziali e scientificamente corrette su tutti gli aspetti della sessualità e contemporaneamente li aiuta a sviluppare le competenze necessarie ad agire sulla base delle predette informazioni, contribuendo così a sviluppare atteggiamenti rispettosi e aperti che favoriscono la costruzione di società eque.[1]

Da questa definizione emergono cinque rilievi importanti.

  1. L’educazione ha da essere olistica, cioè onnicomprensiva di tutti gli aspetti della sessualità in quanto riguarda la globalità della persona umana. A mano a mano che si procederà nell’analisi verificheremo che il termine olistico è riferito solo ad alcuni aspetti del soggetto, quelli fisici e psicologici/relazionali/soci Non si tiene alcun conto della  dimensione spirituale (religiosa), per la quale invece si mettono in evidenza gli aspetti negativi e restrittivi circa la sessualità. E’ una annotazione fondamentale, perché è una concezione antropologica limitata e chiusa dell’uomo, che condiziona fortemente sia i contenuti che i metodi dell’educazione sessuale. Di olistico c’è solo la presentazione di informazioni scientificamente corrette e imparziali, affinché possano vivere la sessualità e le relazioni di coppia in modo appagante e allo stesso tempo responsabile. Però sorge il dubbio che di imparzialità ci sia solo l’intenzione, perché la prassi è viziata da un concetto di uomo che lo proietta come autodeterminante.
  2. Vi è l’idea che sia sufficiente dare informazioni corrette, imparziali e scientificamente fondate sulla sessualità per sviluppare nei bambini e nei ragazzi competenze e atteggiamenti adeguati per favorire una società equa. L’obiettivo generale è la costruzione di una società equa. Da soffermarsi sull’imparzialità delle nozioni trasmesse. Appare chiaro che è “imparziale” chi la pensa in un determinato modo, non lo è chi invece ritiene che la sessualità essendo umana trascende gli ambiti fisici e psicologici per addentarsi nella dimensione spirituale, e la sessualità è tale perché è propria dell’uomo che deve dare senso e significato alla vita in tutti i suoi ambiti, compresa l’espressione della sessualità.3
  3. La presentazione della sessualità ha da essere fondamentalmente positiva, come superamento di paure e idee erronee. Superare le idee erronee significa, in questo contesto, decostruire tutti gli stereotipi del passato. Se per positivo, significa che ciascuno gestisce come crede la sessualità e i comportamenti sessuali, cioè che non vi siano limiti e condizionamenti, certamente la sessualità non è positiva e a misura umana. Noi diciamo che la sessualità va considerata e  presentata come ricchezza da sviluppare per una crescita armonica della persona, che è sempre e comunque un soggetto etico non individualmente autoreferenziale.4
  4. Lo Standard si presenta, pertanto, come le linee fondamentali per l’introduzione all’educazione sessuale nei vari stati, in quanto offriranno un supporto concreto nella definizione di idonei programmi curriculari… e potranno essere di ausilio nel sostenere la causa dell’introduzione dell’educazione sessuale olistica in ogni stato nazionale. Il documento si presenta come la Magna Charta di riferimento nel momento in cui verranno elaborate le linee guida per l’attuazione dell’articolo 16 della legge sulla “Buona scuola”. Già lo stato per l’elaborazione dei tre volumetti dell’UNAR, che in determinati puVreve premessanti ne sono la fotocopia e in altri, invece, sono andati oltre nell’applicazione di determinati contenuti.
  5. Chi ha elaborato il documento? Il Centro federale per l’educazione alla salute (RZgA) di Colonia (centro abortista), la responsabile dell’Ufficio Regionale per l’Europa dell’OMS, e un gruppo di esperti (una ventina di varie nazioni europee nordiche (nessun esperto italiano).

[1] Per evitare di indicare ogni volta il documento Standard per l’Educazione Sessuale in Europa dell’OMS, abbiamo scelto di scrivere in corsivo la citazioni originarie.

 PS – I VARI INTERVENTI SULLO STANDARD – OMS SONO USCITI SUL MIO BLOG E SULLA PAGINA FACE BOOK NELLE SEGUENTI DATE:

  1. 13/07/15 – Breve premessa alle schede dello Standard per l’ed. sessuale in Europa – OMS
  2. 01/08/15 – La decostruzione degli stereotipi
  3. 05/08/15 – I bambini nascono sessuati
  4. 07/08/15 – Educazione sessuale precoce nello Standard – OMS
  5. 11/08/15 –  La storia personale e i valori nello Standard – OMS
  6. 13/08/15 – Impianto generale dello Standard – OMS
Annunci

Informazioni su gilgobbi

Psicologo-Psicoterapeuta-Sessuologo clinico Lavora a Verona, nel suo studio Kairòs di Viale Palladio, n. 10 Tel. 0458101136
Questa voce è stata pubblicata in Articoli, Educazione, Famiglia, Sessualità e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...