La personalità – Cammino di maturità

 IMG00106-20120425-1651 (1)LA PERSONALITÀ – Cammino di maturità

Sulla personalità vi è una mole di ipotesi e teorie, che prendono vari nomi. Eccone alcuni: costituzionaliste, fattoriali, oggettivistiche, umanistiche, psicoanalitiche, ecc. Nessuna di esse ci spiegherà completamente la personalità, che non è un “oggetto”, ma una realtà esistenziale, incarnata in ciascuna persona. Oggettivamente ogni teoria cerca di descrivere la personalità secondo determinati criteri, che come tali, circoscrivono e presentano solo alcuni aspetti. Avere coscienza del limite della propria indagine permette di essere più scientifici e di non assolutizzare ciò che di per sé  è “complesso”.

Tutte le teorie sono concordi nell’ammettere che la personalità si sviluppa per gradi o stadi e che, per  raggiungere il suo pieno sviluppo, impiega molteplici anni.

Il processo maturativo porta la persona:

– dalla dipendenza biologica e psicoaffettiva delle prime fasi dell’esistenza alla totale autonomia psichica, quando viene raggiunta;

– dal narcisismo egocentrico del periodo neonatale alla progressiva scoperta della realtà circostante e degli altri, per crescere come “persona” capace di donarsi agli altri (non per vantaggi personali);

– dalla sicurezza di se stessi alla capacità di accettare e sopportare l’insicurezza come condizione normale della vita (accettare di andare in crisi e superarla);

– da un’accettazione acritica dei valori assimilati attraverso l’identificazione con le figure genitoriali all’accettazione cosciente e costruttiva;

– dall’entusiasmo emotivo di fronte a realtà affascinanti al dato di realtà, in cui emozione e razionalità si coniugano in una sintesi costruttiva di un progetto di vita, che vede la scelta e la decisione come fattori determinanti nel rispondere a domande/bisogni personali e collettivi, a valori oggettivi/soggettivi.

Quando parliamo di personalità intendiamo ciò che la persona deve diventare. Cioè, il concetto di persona supera la dimensione psicologica e sociologica ed ha un valore ontologico. La persona è un esistete a titolo proprio, in sé e per sé, inserita in una rete di relazioni comunitarie senza ridursi a un “pezzo” del gruppo. E’ un essere connotato di caratteristiche specifiche, che lo fanno unico tra tutti gli esseri esistenti, tra cui la duplice capacità di conoscere (riflettere su stesso) e di amare. La conoscenza gli permette di entrare nelle cose e nella realtà e di andare oltre. La capacità di amare lo fa entrare nella dimensione dell’altro senza annullarlo, facendolo esistere per amarlo.

La persona è capace di autotrascendenza che lo dirige verso il buono, il bello, il giusto. Ha bisogno di maturare, di superare dei limiti intrinseci alla sua realtà contingente o creaturale, di evolversi, di liberare le sue potenzialità, di rifarsi continuamente, di aprirsi alla Vita.

 

Informazioni su gilgobbi

Psicologo-Psicoterapeuta-Sessuologo clinico Lavora a Verona, nel suo studio Kairòs di Viale Palladio, n. 10 Tel. 0458101136 - 3482628125
Questa voce è stata pubblicata in Articoli, Cammino e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.