L’odore del pane – S. Quasimodo

Per creder in Dio bisogna ritornareimgres

col cuore di piccoli fanciulli,

e poi pregare; pure se la fame,

tenendovi per mano, zufola sorda e tartaglia con la morte,

quando l’odore caldo del pane

sveglia le strade cittadine

Salvatore Quasimodo

Annunci

Informazioni su gilgobbi

Psicologo-Psicoterapeuta-Sessuologo clinico Lavora a Verona, nel suo studio Kairòs di Viale Palladio, n. 10 Tel. 0458101136
Questa voce è stata pubblicata in Poesia, Presentazione e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a L’odore del pane – S. Quasimodo

  1. Aiello Salvatore ha detto:

    La carissima amica Cristina Folcando ha commentato una poesia di Salvatore Quasimodo: .

    Mi fa piacere partecipare agli amici e alle amiche ciò che ho pensato e scritto …
    Chissà che io non riesca ad estrarre dal vostro “pozzo profondo” un … “sincero” vostro commento:

    < Carissima, non conoscevo questa poesia del grande "irruducibile" Quasimodo.

    Quando ebbe il Nobel (dicembre 1959) avevo appena conseguito la licenza liceale … ed in terza liceale avevamo letto e commentato "Vento a Tindari" …

    Credo che Quasimodo negli ultimi anni della sua esistenza, abbia trovato una propria dimensione religiosa …

    Ti ringrazio per il tag … e per la profonda verità da te espressa con le parole:

    Ma … chissà … forse è stato sempre così … per la stragrande maggioranza degli esseri umani …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...